Abbiamo adottato un bambino

Autore: Anna Genni Miliotti

Edizione: Franco Angeli – Le comete (2002, pagg. 144)

Le informazioni delle sezioni ‘Il contenuto’ e ‘Gli autori’ sono estratte dal libro e quindi di proprietà dell’editore

Disponibile presso la nostra bibilioteca

Copia omaggiata da Daniela Buscemi

abbiamo-adottato-un-bambino

Il contenuto

Come cambia la vita di una famiglia dopo aver adottato un bambino?

Quali e quanti problemi ci si trova a dover affrontare?

Percorrendo insieme le tappe della vita che può svolgersi in una famiglia adottiva, forse aiuteremo a fare un po’ di chiarezza sull’argomento.

Ma soprattutto, se riusciremo nell’intento, avremo aiutato i suoi protagonisti a conoscersi meglio e a sentirsi meno soli.

Con questo libro l’autrice, anch’essa mamma adottiva, offre preziosi consigli ai genitori adottivi, agli operatori psico-sociali, agli educatori e a quanti si trovano a contatto con la realtà dell’educazione.

 

Molti i temi trattati, spesso oggetto delle tante storie raccolte, alcune raccontate anche in prima persona:

– il periodo della “prova”

– l’importanza delle “coccole”

– la lingua diversa

– la voglia di mamma

– la ricerca delle proprie radici

– le ferite dell’abbandono

Ed infine:

– che differenza c’è tra una famiglia adottiva ed una famiglia biologica?

– ci sono problemi specifici che un genitore adottivo deve saper affrontare?

 

Le risposte e le indicazioni fornite dall’autrice fanno di questo manuale un libro utile ad ogni genitore che voglia conoscere meglio il suo difficile mestiere, confrontandosi anche con le strade un pò diverse percorse dagli altri.

Gli autori

Anna Genni Miliotti, scrittrice esperta di problematiche dell’infanzia, collabora come editorialista con quotidiani e riviste.

Organizza corsi di formazione per genitori adottivi e per operatori sociali, in collaborazione con enti pubblici ed associazioni di volontariato.

Si occupa anche di lettura per l’infanzia. E autrice di: “Sai, adottiamo un bambino…” (Angeli, 1995) e “San Pietroburgo, infanzia in attesa” (Manent, 1998).